Irina e Woodford McClellan storia
The Intercultural Couples

Irina e Woodford McClellan: un’incredibile storia d’amore

Alcune storie sembrano esistere per ricordare a tutti noi che l’amore non conosce ostacoli. Storie talmente incredibili che sono in grado di scuoterci dentro e farci sperare che l’amore, quello vero, esiste ancora.

 

E quella che sto per raccontarti è proprio una di queste.

 

Si tratta dell’incredibile e travagliata esperienza di una donna russa che, sposatasi con uno statunitense, dovette aspettare ben 11 anni prima di potersi ricongiungere con il marito.

 

Stai infatti per leggere la storia d’amore di Irina e Woodford McClellan.

 

 

Ma facciamo un passo indietro e partiamo dal principio.

 

 

Quando tutto ebbe inizio

All’inizio degli anni ’70, Irina lavorava presso l’Istituto di Economia Globale e Relazioni Internazionali a Mosca. Fu proprio qui che conobbe Woodford McClellan, professore statunitense che al tempo si trovava in Russia per lavoro.

 

Quella conoscenza sfociò ben presto in amore, che i due consacrarono col matrimonio celebrato il 4 maggio 1974.

 

La gioia di quel momento venne però interrotta solo pochi mesi dopo con la scadenza del visto di Woodford, che dovette perciò lasciare l’Unione Sovietica per tornare negli Stati Uniti.

 

Ma i due non sospettavano minimamente che avrebbero dovuto aspettare ben 11 anni prima di rivedersi.

 

 

Il lungo calvario

Dopo il trasferimento negli Stati Uniti, Woodford tentò più volte di fare ritorno a Mosca per andare a far visita alla moglie, ma gli veniva sempre negato l’ingresso.

 

Irina invece si trovò bloccata nel suo stesso paese.

 

Furono tantissime le sue richieste per poter avere il visto e raggiungere così il marito, ma il governo le respinse tutte le volte e senza dei validi motivi.

 

Fu così che i due dovettero adattarsi a quella situazione, con la speranza che potesse presto cambiare. I compleanni, gli anniversari e le festività consistevano in scambi di cartoline, foto oppure telefonate.

 

Nonostante questi grandi ostacoli, i due non persero la speranza e tentarono il tutto per tutto.

 

Si rivolsero, anche se inutilmente, al segretario di stato statunitense. Nel 1978 Irina si incatenò ai cancelli dell’ambasciata americana a Mosca per protestare contro il rifiuto per il suo visto. Fece inoltre un gesto di sfida appendendo dal balcone di casa sua un cartellone per portare l’attenzione sul suo caso.

 

Irina era disposta a sfidare l’autorità di Mosca per amore.

 

 

La svolta

La svolta avvenne solo nel 1985, quando in occasione dell’incontro tra il presidente statunitense Ronald Reagan e il presidente russo Michail Gorbachev, il nome di Irina venne inserito in una lista di 8 persone che avevano ottenuto il permesso di lasciare l’Unione Sovietica per raggiungere i propri coniugi negli USA.

 

A fine gennaio del 1986 la donna riuscì a prendere quel tanto desiderato aereo per raggiungere finalmente il marito in Virginia e dare inizio così alla loro vita insieme.

 

Irina e Woodford Libro

 

Irina raccontò la sua esperienza nel libro “Of love and Russia”, pubblicato nel 1989.

 

 

La storia d’amore di Irina e Woodford McClellan è una delle tante storie incredibili che hanno segnato la vita di numerose coppie (ne ho raccontato una proprio qui). Di quelle che ci permettono di credere in un amore che può aggirare ogni ostacolo, non importa la distanza o quanto tempo possa richiedere.

 

A volte può sembrare ingiusto, a volte incomprensibile.

 

Ma anche se l’amore inizia con una storia a distanza, proprio grazie alle avversità che attraversa può sfociare davvero in un qualcosa di unico e raro da trovare.

 

E chi ha la fortuna di poterlo vivere, deve tenerselo stretto. È un amore che a molti è negato.

 

Questa è una storia che ci ricorda che lottare per la persona amata ne varrà sempre la pena e che i sacrifici, prima o poi, verranno sempre ripagati.  

 

Il coraggio e la fiducia non devono mai mancare.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »