Culturali,  Curiosità

San Patrizio: simboli e storia della festa irlandese

La festa di San Patrizio è senz’altro tra gli eventi culturali di tradizione anglosassone più conosciuti al mondo e ogni anno, il 17 marzo, ci si veste di verde per celebrare questa festività. Sicuramente ne avrai sentito parlare anche tu e magari non appena senti pronunciare “St. Patrick’s day” con un caratteristico accento inglese, le prime cose che ti vengono in mente sono il colore verde e… birra, tanta birra!

 

Immagina ora di trovarti in giro per la tua città una sera di marzo. Ci sono boccali di birra di colore verde che vanno e vengono, le persone intorno a te sono vestite di verde e qualcuno indossa addirittura un buffo cappello col simbolo del trifoglio.

 

In mezzo a quella gran confusione ti lasci assorbire da ciò che sta accadendo intorno a te.

 

Ti ritrovi così a parlare all’improvviso in inglese con uno straniero che, nonostante non sia irlandese, ha una voglia matta di festeggiare. Ti offre una birra e inizi anche tu a fare festa per un patrono di cui in effetti non sai nulla.

 

Se ti sei già ritrovato in una situazione simile e vorresti capire il perché (o meglio, per chi) stessi festeggiando, non ti resta che continuare a leggere. Se non ti è ancora capitato, allora mettiti comodo, sicuramente prima o poi ti ritroverai anche tu in mezzo a tutto quel verde.

 

Prima però ti chiedo di fare una cosa. Di tenere a mente questi 3 elementi: il colore verde, il trifoglio e la birra.

 

Sei pronto? Si comincia!

 

 

Chi era San Patrizio?

La festa di San Patrizio costituisce un simbolo di forte identità nazionale per la popolazione irlandese, specialmente per coloro che vivono all’estero e per cui l’attaccamento per la propria nazione è ancora più sentito. Durante i festeggiamenti di questo grande evento della tradizione irlandese, oltre alla birra, non devono mai mancare musica e tanti colori. Anche se come ti ho già scritto prima, uno spicca fra tutti.

 

Ma andiamo con ordine. Chi era questo Patrick (Patrizio) che si festeggia?

 

San Patrizio, il cui vero nome era Maewyin Succat, visse tra il 385 e il 461 d.C. ed era di origini scozzesi. La sua è senza dubbio una storia singolare: a sedici anni venne infatti rapito da pirati irlandesi e venduto come schiavo al re Dalriada, il cui regno comprendeva l’Irlanda e parte della Scozia. Dopo circa sei anni di prigionia, riuscì a fuggire dalla corte e fece ritorno in Scozia, dove poco dopo abbracciò la fede cristiana diventando diacono e prendendo il nome appunto di Patrick, ovvero Patrizio.

 

 

 

Ottenuta in seguito la carica di vescovo, gli venne affidato da Celestino I l’incarico di tornare in Irlanda per portare la parola di Dio. Fu così che San Patrizio diffuse gli insegnamenti del Vangelo e diede avvio al Cristianesimo in quelle terre.

 

Ma perché il papa affidò proprio a lui il compito di tornare in quelle terre che furono un tempo luogo di prigionia?

 

Devi sapere che durante i sei anni di schiavitù presso la corte di re Dalriada, Patrizio ebbe modo di imparare la lingua gaelica, ossia l’antica lingua celtica tipica di quelle zone. Il fattore linguistico in casi come la diffusione di un credo, gioca un ruolo fondamentale.

 

San Patrizio portò avanti il suo incarico con grande impegno e dedizione fino al giorno della sua morte, avvenuta il 17 marzo del 461. Alla sua figura sono legati ancora oggi vari miti e leggende (se vuoi saperne di più, ti consiglio di approfondire qui).

 

Ma ora torniamo a noi. Ricordi i 3 simboli che ti avevo chiesto di tenere a mente poco prima? Il trifoglio, il colore verde e la birra. Tutti e 3 hanno una cosa in comune: sono legati alla figura di San Patrizio.

 

“Anche la birra?” ti starai chiedendo. Si, anche la birra.

 

 

I 3 simboli del Santo

Il primo simbolo è uno dei più caratteristici in Irlanda: il trifoglio. Il trifoglio irlandese prende il nome di Shamrock (dal gaelico seamrog, ovvero “summer plant”) ed è fortemente legato alla figura di San Patrizio.

 

 

Photo by Yan Ming on Unsplash

Il Santo infatti utilizzava proprio il trifoglio per spiegare il concetto di Trinità di Dio (Padre, Figlio e Spirito Santo) alle popolazioni celtiche. Per questo motivo, già anticamente molte rappresentazioni artistiche del Santo patrono d’Irlanda lo ritraevano con il simbolo del trifoglio e una tonaca verde.

 

Ed eccoci al secondo simbolo: il colore verde.

 

Il verde è un colore identificativo per questo paese non solo per il suo legame col trifoglio. L’Irlanda è infatti chiamata “l’isola di smeraldo” per le sue bellissime e ampie distese di prati infiniti, interrotti solamente dalle famose scogliere d’Irlanda.

 

E’ proprio per questo motivo che il giorno della Festa di San Patrizio vi è l’usanza di indossare almeno un indumento di colore verde, molto sentita e rispettata specialmente dagli irlandesi che vivono all’estero. Il verde diventa perciò non solo un colore rappresentativo di un’intera nazione, ma anche simbolo di identificazione e appartenenza alla propria patria, nonché di unificazione di un popolo in parte sparso per il mondo.

 

Come avrai potuto leggere poco prima, anche la birra viene colorata di verde in occasione di questa festività.

 

Parliamo perciò adesso del terzo simbolo: la birra.

 

Ripercorrere la storia della birra in Irlanda significa tornare indietro di secoli. Furono i celti ad accogliere questa bevanda proveniente dall’Oriente, la chiamavano “Corim” e la aromatizzavano con miele ed erbe selvatiche (nel caso fossi interessato a scoprire di più ti consiglio di leggere questo interessante articolo).

 

 

Photo by Patrick Fore on Unsplash

Si dice che anche il nostro caro San Patrizio amasse particolarmente la birra, tanto da nominare un frate di nome Mescan come suo birraio personale. A partire dall’Alto Medioevo, la produzione della birra divenne di competenza esclusiva di corti e monasteri e assunse un’importanza tale, da ricoprire un certo prestigio sociale.

 

Un prestigio che mantiene ancora oggi, tanto da essere immancabile nelle celebrazioni in onore di San Patrizio in giro per il mondo.

 

 

San Patrizio nel mondo

Questi che hai appena letto sono i motivi per cui il trifoglio, il colore verde e la birra sono così tanto importanti in Irlanda. Simboli molto cari agli irlandesi, che con fierezza e patriottismo esibiscono ogni 17 marzo in occasione del San Patrick’s day. Questo loro legame per la patria e la voglia in un certo senso di esibirlo anche solo indossando un colore, viene trasmesso a tutti coloro che possono assistere in prima persona a questa celebrazione.

 

Tutto il mondo ormai percepisce questa giornata come un’importante occasione per esprimere vicinanza e rispetto per le tradizioni altrui. Ne sono una testimonianza i numerosi monumenti e luoghi pubblici che per l’occasione si tingono di verde in numerose città del mondo: da Rio de Janeiro, a Sidney, fino ad arrivare a Roma e a Monaco di Baviera.

 

E’ proprio in quest’ultima città che io stessa ho avuto modo di vivere in prima persona questo grande senso di appartenenza per il proprio paese. Un sentimento sentito da tutti quegli irlandesi che come me erano presenti quel 17 marzo del 2015 a Marienplatz, in cui il nuovo municipio, così come l’Allianz Arena e tanti altri luoghi simbolo della città, sono stati illuminati di verde per l’occasione.

 

 

 

Per concludere, se mai ti capiterà o ricapiterà di trovarti davanti l’opportunità di assistere o di vivere i festeggiamenti in onore di San Patrizio, immergiti in quel chiasso, in quel verde e, se ti piace, bevi un goccio di birra. Vivila come un’esperienza di contatto culturale e di vicinanza con una popolazione che in quell’ occasione, desidera solamente poter essere a casa e celebrare la propria patria, l’Irlanda

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »